Saturday, June 16, 2007

l'ora è dell'Albania

ah, quanto mi manca la Terra delle Aquile! i miei rapaci preferiti non si smentiscono mai, e spero non sia solo un montaggio il video dell’albanese che ha bellamente sfilato l’orologio a Bush. i nostri vicini di casa hanno l’occhio lungo e gli artigli, ma per me restano maestosi, anche se si lasciano abbindolare dal gingillante occidente, se sognano di volare via dalle loro montagne, se appena usciti dal guscio si aspettavano di essere accuditi da qualche fantomatica madre patria, che in realtà è solo matrigna e li rinnega. Loro si sono sempre illusi, ma non hanno famiglia. Sono orfani e nella loro infanzia sofferente avrebbero dovuto darsi da fare un po’ di più, credere solo nelle loro forze, capire che il loro futuro non sarebbe dipeso positivamente da agenti esterni. Ogni aiuto arrivato dal cielo era ingannevole, ogni salvatore o programma governativo di sollevazione loro impostovi si è rivelato fallimentare.
Basta, con l’accettare di essere dipendenti da qualcuno! Popolo della Shqipëria, devi reagire con l'atteggiamento delle tue vecchie donne, che stanno sedute sui gradini a cucinare chofte guardando storto chi offre loro l’olio per friggere. Fidatevi solo di voi stessi, è questo che dovete imparare da secoli di dominazioni e dittature. Siate crudi e stringete i denti, se vi sentite abbandonati avrete abbastanza grinta per rimboccatevi le maniche. Un gesto sardonico come lo scippo del presidente deve assurgere a simbolo di sfida ed inaugurare un periodo nuovo, non confermare una tradizione di reati sulla falsariga dei Rom. se sventate la flagranza di reato siete svelti, ma siete furbi solo se vi ponete ad un livello idealmente superiore a quello del potente corrotto. insomma, ciò che vi chiedo è di farvi una comunità di novelli Robin Hood e non rimanere intimamente profughi, per dimostrare ai vostri capi di stato ed ai razzisti del vicinato, italiani greci od ex-jugoslavi che siano, che siete liberi. Quindi non più furti e sotterfugi, da parte vostra serve una presa di posizione antiparassitaria. siete sempre stati indegnamente considerati delle zecche, fino ad adagiarvi in quel facile ruolo..perché non indicate a chi vi abbaia contro chi è che infesta davvero il mondo? sputateci metaforicamente in faccia, tenetevi stretto l’orgoglio spogliandolo della testardaggine.. infine assurgete ad esempio di tolleranza etnica e religiosa (perchè di convivenze fraterne come le vostre ce ne sono poche, altrove). siete ibridi bastardi, fate leva su questa vostra ricchezza.
.
Per pochi voti vi siete addossati un primo ministro destroso, per bendare forse le piaghe ancora aperte del regime stalinista. avete abbattuto la statua di Enver Hoxha, ma a Tirana piazza Skanderberg esiste per ricordarvi di condurre battaglie contro le oppressioni, smettetela di aspettare placidamente che piovano miglioramenti! una volta salutati Alia e Fatos Nano, attenti a non sprofondare sulla sponda opposta.. tanto i brogli elettorali avvengono su entrambe le rive. mi chiedo se il vostro calore per DoubleU, l’americano medio, non sia dettato dall’influenza che i media italiani hanno nelle vostre casette..ma capite, vero, la contraddizione di guardare il tg4 e tener appeso alla grondaia un pupazzo affinché scacci gli spiriti maligni?
Dopo bunker e kalascnikov, la mafia e gli sfollati. e dopo quelli, la stasi, perché non si fa il pane senza farina: l’atavica faida non si sposa con la moderna giustizia e non si può sviluppare l’industria senza elettricità. Non cercate ottusamente l’oro in un sistema che vi colloca nel gradino più basso, quello con lo zerbino. Cessate la diaspora e ragionate sulle vostre potenzialità; so che è arido ma trovate il modo di coltivare il vostro paese. Ec me shëndet & mirupafshim..

----------------------------------------------------------------------------------------
La smentita: Bush si era prudentemente sfilato l’orologio da solo. È il più misero tra i miseri. Si lancia paternalistico tra la folla come converrebbe ad un capo amato ma poi la teme come chi, consapevole della propria disonestà, si aspetta dei torti karmici. bah.

7 Comments:

Anonymous Ermete Scaglianti ha da dire...

Acciderboli. Una serie di parole e concetti come non ne leggevo da tempio!
Complimenti alla mano scrivente ed al cervello comandante.
E naturalmente al guscio e al capello.

Ermete

 
Anonymous Anonymous ha da dire...

Come mai tanto amore per questa terra? Complimenti per l'articolo, anche se non condivido per niente le ingiurie e le offese sui paesi confinanti.. La parte marcia non manca neanche in albania cisto che loro stessi (o almeno molti di loro) si definiscono "ariani" con tutto quello che ne consegue..

Pedrag Mijatovic

 
Blogger sibyl*vane ha da dire...

Ermete, se sei già in Australia, baci baci.. si sentirà la tua mancanza :(

 
Blogger sibyl*vane ha da dire...

:) l'amo perchè qualche anno fa ci ho vissuto (anche se il verbo 'vivere' è pretenzioso per un periodo di 3 settimane, mi sento in diritto di usarlo). e probabilmente amerei anche i paesi confinanti, qualora ci andassi. ma qui m'interessava far passare l'ottica degli albanesi, e non ho risparmiato note di biasimo neppure a quella..
il loro orgoglio nazionale è intramontabile, ma di 'ariani' non ne ho mai conosciuti.. tu come lo sai?

 
Anonymous Anonymous ha da dire...

Dovevo passere due settimane quest'estate tra Montenegro e Albania, ma poi per motivi di causa maggiore è saltato, cmq se le tre settimane che hai trascorso in questa terra ti hanno segnato così fortemente, vedrò di non lasciarmela sfuggire l'anno prossimo.. Credo si possa definire "viverci" quando una terra la si sente dentro e quando ci si sente parte di essa (in un modo o nel'altro!).
Conosco pochi ragazi albanesi, ma fù uno di questi a dirmi in un momento di alto orgoglio nazionalista, che la sua gente è ariana, a me onestamente non me ne fregava un gran chè, ma lo chiesi ad un altro amico così per scrupolo, il quale me lo confermò "con la mano sul cuore".
Da un punto di vista storico questa cosa mi dava un pò da fare così feci una breve ricerca al termine della quale ho scoperto che una circolare del ministero degli interni (1939) stabiliva che gli albanesi cristiani o mussulmani erano da considerare ariani.

Pedrag Mijatovic

 
Anonymous freccia ha da dire...

...non essendoci mai andato non so...e probalmente il mio commento può essere solamente legato a un criticare ignorante;la storia che un paese vive è la storia che si è creata,ed è vero che la storia spesso la crea chi comanda, chi ha potere,,ma è altrettanto vero che la popolazione deve essere come un agente atmosfrico, che tanto spinge e tanto erode da plasmarla a suo piacimento,le rivoluzioni sono servite a questo. freccia

 
Anonymous Anonymous ha da dire...

mi piacciono gli albanesi onesti e laboriosi, magari cristiani, che amano anche l'Italia e non vogliono stupidaggini politiche ma concreta vita decente nel rispetto delle leggi e vogliono saperne sempre di più nell'ambito del lavoro e sono onesti e cercano di produrre e detestano i mestatori di tutti i colori, consci che le cose giuste si fanno senza frottole o vani discorsi.
ciao

 

Post a Comment

<< retourne à la Maison